LETTERA AI SEGRETARI METROPOLITANO e REGIONALE
SULLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE RIVALTESI DELL'11 e 25 GIUGNO 2017

Rivalta 11 giugno 2017, Rivalta 25 giugno 2017. Due date che segnano e connotano il mio mandato di segretario del circolo PD di Rivalta, due date che segnano una svolta nella politica rivaltese, due date che dimostrano che i grillini (e i loro epigoni) possono essere sconfitti alle elezioni.

11 giugno 2017, giornata di elezioni per il rinnovo del consiglio comunale e per dare un nuovo sindaco a Rivalta. Quattro candidati: Nicola de Ruggiero sostenuto da una coalizione di centrosinistra dalla forte connotazione civica; Alberto Gianotti sostenuto da due liste civiche; Michele Colaci che dopo aver abbandonato i Moderati ottiene l?appoggio del centrodestra (Forza Italia, Lega Nord ecc.), di una lista che si ispira alle teorie liberiste del conservatorismo europeo e una lista che porta il suo nome; Mauro Marinari, sindaco uscente sostenuto da quattro liste civiche ?sostenibili? di ispirazione grillina (cinque anni fa li avremmo potuti definire ?protogrillini?).

Alla fine dello spoglio i primi verdetti: Gianotti non conquista nemmeno un seggio, il centrodestra istituzionale nemmeno (FI e Lega non saranno presenti in consiglio comunale), Colaci e un suo candidato siederanno in consiglio mentre la lista neoliberista AmiAmoRivalta (che ha non poche similitudini con SiAmoRivalta, associazione senza fini di lucro e SiAmoTorino lista civica liberista che ha partecipato alle amministrative dello scorso anno a Torino) non guadagna neppure un seggio. I due candidati più votati sono Nicola de Ruggiero e Mauro Marinari, quest?ultimo in svantaggio di 4 punti rispetto al candidato di centrosinistra.

Primo risultato importante il Partito Democratico è il primo partito di Rivalta ed è di gran lunga il più votato. Il buon risultato è frutto di un lungo lavoro fatto sul territorio, tra i cittadini, soprattutto tra quelli dei quartieri più distanti come Tetti Francesi, Gerbole/Prabernasca e Pasta. Un lavoro di ascolto e di partecipazione teso a ricostruire quei rapporti, quel senso di comunità che si era perso dopo la sconfitta di cinque anni fa. Un lavoro paziente e minuzioso per individuare e aiutare nella loro scelta quelle persone che avrebbero potuto dare un contributo determinante alle elezioni future e, cosa più importante, avrebbero potuto essere le antenne ricettive dei problemi e dei malesseri dei rivaltesi così da trasmetterli alla futura amministrazione per renderne il lavoro più efficace e incisivo.

Secondo risultato importante, a Rivalta si è ricostruito il centrosinistra più classico. Lo si è ricostruito partendo da sinistra, tornando a dialogare in modo costruttivo con chi negli ultimi tempi vedeva nel PD un partito troppo sbilanciato al centro (quando non a destra). Si è scelto di lasciare in secondo piano tutte quelle cose che ci hanno diviso in passato (non dimenticarle, soltanto accantonarle, per non ripetere gli stessi errori) per lavorare su quelle che ci uniscono, a partire dal candidato sindaco che proviene proprio da quell?area politica. La scelta è stata anche di tipo strategico perché sottraeva ai sostenibili/grillini la maschera di partito anche di ?sinistra? per lasciare solo quella che è la loro vera anima, la destra; non quella più civile che può arrivare fino a FI ma quella più becera e razzista della Lega, di Fd?I ecc., (l?inconfessato e inconfessabile patto Lega/M5S è nei fatti, chiaro ed evidente e Rivalta NON fa eccezione); questa strategia ha alienato all?allora giunta uscente una fetta importante di elettorato di sinistra e anticonservatore.

Un centrosinistra che si rispetti però non è tale se non si apre anche al centro, se non è capace di essere interprete delle istanze di quel mondo, anche cattolico, che più si ispira all?uomo e al dovere di aiuto e sostegno che il cristianesimo professa da sempre e che pone al centro della sua attività valori come la famiglia, il lavoro, la solidarietà, i giovani. Tutti valori che si ritrovano ampiamente sostenuti anche dalla sinistra e che quindi hanno pieno diritto di cittadinanza nel cosiddetto centrosinistra.

Nelle due settimane di supplemento di campagna elettorale i sostenibil-grillini hanno messo in campo tutta la loro aggressività, tutto il loro arsenale di insinuazioni, di illazioni fin quasi alla calunnia, di insulto e delegittimazione personale, senza mai una volta entrare nel merito di una questione politica, amministrativa o di programma. Come sempre il loro metodo, mutuato dal fascismo del secolo scorso, è basato sulla pura e semplice demolizione della persona, della sua immagine, del suo onore, della sua credibilità; non vi è rispetto per l?avversario politico perché non è concepito come tale ma bensì come un nemico, che va battuto e abbattuto con qualsiasi mezzo, lecito o non lecito. Il fine giustifica i mezzi direbbe Macchiavelli.

Veniamo al 25 giugno 2017 e sebbene con uno scarto di soli 50 voti, Nicola de Ruggiero è il nuovo sindaco di Rivalta, il centrosinistra più civico che si sia mai avuto a Rivalta (larga parte dei candidati anche del PD non sono iscritti), vince il ballottaggio mettendo così a frutto il lavoro di mesi fatto dai candidati e dal Partito Democratico e il lavoro di anni fatto, dal segretario e dal gruppo dirigente del partito sulle persone, sui rapporti interpersonali, sulle scelte anche difficili operate scientemente per raggiungere questo obiettivo (una per tutte la decisione di tenere fuori Colaci, perché ritenuto inaffidabile, e di conseguenza i Moderati dalla coalizione).

Adesso Rivalta ha davanti cinque anni per tornare ad essere un paese normale, libero dai talebani della politica del NO a prescindere, con un sindaco non giovanissimo ed esperto e una squadra al contrario estremamente giovane, sia anagraficamente che politicamente, con qualche elemento d?esperienza e tanti alla loro prima volta (mi si passi questo paragone calcistico). Cinque anni per tornare a relazionarsi costruttivamente con i comuni confinanti, per rientrare nell?Osservatorio sulla TAV, per far sentire la voce dei rivaltesi laddove è opportuno che la si senta, per parlare con i cittadini dopo cinque anni di isolamento anche da loro. La normalità, appunto.

In conclusione una nota personale, quando quattro anni fa venni eletto segretario del circolo di Rivalta avevo il sogno inconfessato di riportare il PD e il centrosinistra al governo della città e quello dichiarato di aprire il circolo al resto del mondo, di dialogare con chi ci aveva abbandonato non riconoscendosi più in questo partito e con chi invece non si era mai sentito vicino a noi e al nostro pensiero. L?ispirazione l?ho tratta dai bambini, in particolare dalla loro straordinaria capacità di litigare e dopo pochi minuti di tornare a giocare assieme, lasciando da parte le divisioni perché lo stare insieme è più importante delle differenze. Ebbene io sono veramente convinto che questa sia la strada da percorrere e l?ho imboccata senza indugi, NOI è più importante di IO, INSIEME è la parola d?ordine che mi ha guidato fin qui e posso ritenermi soddisfatto del risultato raggiunto, con la speranza che faccia da viatico a una svolta anche nella politica nazionale.
​​​​​​​
Unire è più importante e utile che dividere. Dichiarare apertamente da che parte si sta, senza indulgere in strizzatine d?occhio all?altra parte (pur rispettandola sempre) perché si deve essere alternativi ad essi, non contigui.

Rossano Gianoglio
Segretario PD di Rivalta





3691. Alla fine il risultato è arrivato, è stato un finale al cardiopalma ma il candidato di centrosinistra Nicola de Ruggiero ha vinto. Ha vinto lui; ha vinto il progetto di lavoro a cui cittadini in primis avevano dato un contributo importante; ha vinto una squadra che ha lavorato unita e determinata per questo risultato; ha vinto il PD che ha saputo individuare e proporre candidati seri, persone credibili e per bene, che hanno saputo parlare ai rivaltesi, spiegando il nostro progetto, la nostra idea di città per i prossimi anni. Ha perso un'idea di Rivalta isolata, NO tutto, poco vicina ai cittadini (nonostante i tanti proclami), ha perso una concezione un po' manichea della politica e dell'amministrazione della città, ha perso l'insinuazione come strumento normale di dialettica politica (l'ultimo volantino di RS è una cosa scandalosa talmente è pieno di falsità e di insinuazioni che l'ex sindaca Neirotti ha così ben smontato in un suo recente messaggio), ha perso il sindaco uscente, vale a dire una sonora bocciatura di chi ha amministrato nei cinque anni appena trascorsi. Adesso viene il momento di mettersi al lavoro per dimostrare di essere degni della fiducia accordataci dai 3691 rivaltesi che hanno votato de Ruggiero sindaco e ai quali va anche il nostro ringraziamento. E' giunto il momento di dimostrare d'esser degni della fiducia che 2199 rivaltesi hanno accordato al Partito Democratico di Rivalta al primo turno. E' giunto il momento di riportare Rivalta nel 2017, di guardare avanti e pensare al futuro invece che al passato. Le priorità individuate dal neo sindaco incontrano il pieno sostegno dei consiglieri PD e del partito stesso. Al lavoro, insieme!


Elezioni amministrative 2017

Una settimana fa i cittadini di Rivalta decretavano, con il loro voto, che la lista del PD fosse di gran lunga la più votata e che il candidato Nicola de Ruggiero, sostenuto insieme alla coalizione di centrosinistra, andasse al turno di ballottaggio con un vantaggio sul sindaco uscente di quasi 4 punti percentuali. Nella settimana appena trascorsa molti candidati di tutti gli schieramenti hanno ringraziato, privatamente o pubblicamente, gli elettori per i consensi ricevuti. E' giunto il momento che anche il Partito Democratico faccia il suo. Ebbene il grazie va innanzitutto ai 2199 rivaltesi che hanno votato i candidati PD, contribuendo in maniera determinante ai 3449 voti che hanno visto emergere Nicola de Ruggiero quale primo tra i candidati alla carica di Sindaco. Un secondo ringraziamento va ai 16 candidati del PD che hanno permesso con la loro faccia, con il loro lavoro, con il loro radicamento sul territorio, di ottenere questo primo importante risultato. Poi è giusto ringraziare anche i compagni di viaggio delle altre liste che compongono la coalizione, perché è anche grazie al loro apporto se domenica prossima ci presenteremo al turno di ballottaggio in posizione di vantaggio. Dopo i doverosi ringraziamenti qualche breve riflessione. La prima: due grandi partiti del centrodestra italiano, FI e Lega, non avranno seggi in consiglio comunale, segnando la sconfitta della loro proposta politica sul territorio di Rivalta. La seconda: ognuno dei 64 candidati consiglieri delle liste per de Ruggiero ha contribuito in maniera determinante al risultato e può andare fiero del fatto che, fatte salve poche eccezioni, ha ottenuto molti più voti di molti candidati (assessori compresi) dell'amministrazione uscente. Terza e ultima riflessione: tutto questo lavoro sarà stato sostanzialmente inutile se domenica 25 non confermeremo il risultato vincendo il ballottaggio. Non c'è la medaglia d'argento per il secondo classificato. Si vince o si perde, senza appello. Perdere vuol dire consegnare per altri 5 anni Rivalta al declino che ha conosciuto nei 5 appena trascorsi, vuol dire altri 5 anni di isolamento dai comuni vicini e di governo (in)Sostenibile. Vuol dire prendere la gran parte del consenso avuto al primo turno e buttarlo alle ortiche, questo dev'essere chiaro. E' quindi fondamentale che ognuno dei 3449 rivaltesi che hanno votato per de Ruggiero confermino la loro scelta tornando a votare domenica 25, che ogni rivaltese che pensa che la nostra città non possa sopportare altri 5 anni di decerescita infelice, anche se al primo turno ha scelto altri candidati, torni a votare e voti per de Ruggiero. Occorre un ultimo grande sforzo civico per conseguire il risultato e risollevare le sorti di Rivalta.
Insieme possiamo fare molto, facciamolo domenica 25 giugno e votiamo compattamente per Nicola de Ruggiero sindaco.



il segretario PD
Rossano Gianoglio



Convenzione del circolo PD di Rivalta
Risultato delle votazioni:
Aventi diritto 76
Votanti 54
Andrea ORLANDO voti: 33
Michele EMILIANO voti: 1
Matteo RENZI voti: 20
I delegati alla convenzione metropolitana sono:
Luca ZECCHI
Melina CANNAVO'
Entrambi della lista a sostegno di Andrea ORLANDO

17554522_1445783985493547_2291424388469796545_n



DICHIARAZIONE AI GIORNALI



Ricostruire un clima di serenità e fiducia tra Cittadini e Amministrazione.



Scommettere sull'entusiasmo e sul protagonismo di una intera Comunità.
Rilanciare una Comunità che per cinque anni si è sentita abbandonata.

E' questo l'appello che lanciamo a quanti ritengono che a Rivalta sia arrivato il momento di cambiare Amministrazione.



Siamo stati governati in questi 5 anni da una Giunta che si è dimostrata incapace di leggere i bisogni e le aspettative dei rivaltesi; una Giunta che ha avuto la presunzione di insegnare a tutti cosa fosse giusto e cosa fosse sbagliato; una Giunta che ha diviso i rivaltesi in buoni e cattivi; una Giunta che ha brillato per assenza e mancanza di visione.

Noi crediamo invece che Rivalta si amministri insieme ai suoi Cittadini, alle Associazioni, ai Commercianti, agli Imprenditori e a tutti coloro che hanno a cuore il destino della nostra comunità.

Noi crediamo che occorra mettere al centro gli interessi di Rivalta e dei rivaltesi: preservando e migliorando il suo patrimonio storico, culturale ed ambientale; sostenendo chi oggi soffre la crisi e ha bisogno di aiuto; migliorando i servizi e le opportunità per i nostri giovani.

Noi crediamo che Rivalta debba uscire dallo sterile ed improduttivo isolamento di questi cinque anni e ricostruire un rapporto di collaborazione con i Comuni limitrofi.

Noi crediamo che sia arrivato il momento di ripartire e progettare insieme la Rivalta dei prossimi decenni

Con questi obiettivi stiamo costruendo una Coalizione Civica ancorata ai valori di solidarietà, giustizia sociale e legalità. 


 


Una Coalizione Civica che proporrà ai rivaltesi Nicola de Ruggiero come prossimo Sindaco.

Cittadini, Movimenti, Associazioni e Partiti stanno rispondendo con entusiasmo a questo Appello.

Il primo appuntamento pubblico sarà giovedì 16 febbraio alle 18.00 presso il locale "La Ciliegia" in viale Vif 2 angolo via Roma a Rivalta per cominciare insieme questa nuova avventura!


Amalia Neirotti

Nicoletta Cerrato

Rossano Gianoglio

Mariano Russo

Site Map